Libro in un bip

Librobip 001Frutto di un progetto avviato nel 2008 con il Ministero dei Beni Culturali, il sistema del Libro in un Bip consente la fruizione di testi di cultura generale attraverso il proprio telefonino dotato di sistema Symbian S60. Il sistema si compone di due moduli software appositamente progettati e realizzati: il primo consente alla Stamperia di convertire e crittografare i file da inviare all’utente; il secondo va installato sul telefonino dell’utilizzatore e permette la decodifica e l’ascolto del testo attraverso la sintesi vocale, ricorrendo anche a ulteriori funzioni come i segnalibri e l’indicizzazione. I file, codificati con un sistema che ne impedisce la copiatura o la diffusione non autorizzata, possono essere inviati all’utente tramite MMS o tramite cavo USB.

Nero Braille

“Buonasera, sono un papà non vedente,
vorrei aiutare mia figlia – vedente – ad imparare a leggere,
ma io leggo solo il Braille ovviamente, come potreste aiutarmi?”

Leggi tutto...

Modelli tridimensionali

La Stamperia realizza plastici con materiali resistenti e piacevoli al tattoL'apprendimento e la conoscenza di un oggetto per i non vedenti avviene attraverso il tatto e l'esplorazione aptica. Le mani dei non vedenti scorrendo sull'oggetto ne colgono innanzitutto le dimensioni, la forma e man mano acquisiscono nuovi elementi di informazione come la consistenza, la finitura della superficie, i particolari di alcuni elementi, ecc.

Leggi tutto...

Opere ottico tattili

La “Creazione” di Michelangelo, prima opera realizzata con il metodo Ottico-TattileDa alcuni anni la Stamperia realizza riproduzioni in rilievo di opere pittoriche/visive, mediante il metodo di scomposizione in "piani ottico-tattili" dalla stessa sviluppato ed adottato.

Il metodo è stato elaborato e sperimentato partendo da alcuni concetti cardine:

a) In primo luogo pretendere di descrivere un quadro esclusivamente attraverso la distribuzione dei colori, a chi non ha mai visto, è obbiettivamente inutile, al contrario descrivere le forme, il contenuto e quindi l'ambiente che un quadro rappresenta significa trasmettere un'informazione per la sua fruibilità

b) La percezione visiva, che al senso comune appare come qualcosa di assolutamente immediato, è il risultato di una serie di complessi processi di elaborazione che si realizzano in maniera del tutto automatica ed implicita. Tali processi funzionano in parallelo e solo la successiva integrazione delle varie informazioni permette l'intera percezione dell'oggetto.

c) Normalmente nella trasformazione di un'immagine in un rilievo, quando vi è una struttura molto complessa, per semplificare l'apprendimento delle informazioni si ricorre alla scomposizione dell'immagine in più piani.

d) Se un «artista» quando realizza un dipinto segue delle regole visive, perché non scomporre un quadro in più livelli seguendo proprio le stesse regole visive che lo hanno creato? Perché non utilizzare quindi un percorso informativo simile a quello che utilizza la nostra mente?

Su questi concetti è nato il metodo di scomposizione in "piani ottico-tattili". Esso consiste nello studiare il processo di scomposizione di un'immagine da parte del cervello umano ed applicarlo alla realizzazione di un quadro tattile su più livelli. In questo modo il processo di acquisizione del non vedente sarà lo stesso utilizzato dal vedente.

Il non vedente viene guidato a leggere l'opera in un percorso semplificato attraverso la propria percezione tattile dell'opera stessa, seguendo contemporaneamente le leggi della percezione visiva. Si andrà da un pannello d'insieme, il colpo d'occhio della percezione visiva, dove si riconosce la struttura, ma risulta complesso coglierne i particolari, a delle semplificazioni successive che avranno in evidenza pochi elementi e quella consequenzialità temporale e costruzione per frammenti che si ricompongono, caratteristica della percezione tattile.

Per ottenere maggiori dati ed informazioni, è stato chiesto ad un campione di circa 200 persone vedenti di età compresa tra 4 e 80 anni, di cultura ed estrazione sociale diversa, di esprimere le proprie percezioni sull'immagine proposta, mediante delle brevi e ripetute osservazioni. Da questa indagine sono emersi i parametri poi adottati per la scomposizione dei piani ottico-tattili.

È bene precisare che non si tratta di una scomposizione basata su livelli di profondità secondo una sequenza del tipo: sfondo, figure in secondo piano, figure in primo piano, soggetto; tuttavia per alcune opere entrambi i metodi di scomposizione potrebbero coincidere.

La disposizione del percorso risulta funzionale alla ricomposizione dell'immagine che avviene nel cervello per passaggi successivi. L'immagine che si ricompone alla fine del percorso suggerito permette al non vedente di avere la completa conoscenza dell'opera appena descritta nella sua visione ottico-tattile.

La metodologia proposta mette in evidenza gli elementi che possono essere trasmessi efficacemente ad un non vedente: la struttura del quadro, la composizione, il bilanciamento delle masse e delle linee di forza, elementi fondamentali per la comprensione dell'opera stessa.

  • Opere ottico-tattili realizzate dalla Stamperia:
  • La Creazione di Michelangelo
  • Figura di Donna
  • Testa di Medusa
  • Le demoiselles de Avignone

Mappe tattili

Mappe tattili per la mobilità autonomaLa crescente autonomia e integrazione sociale e lavorativa ottenuta negli ultimi decenni dai non vedenti ed ipovedenti ha fatto sì che sia aumentato negli ultimi anni il numero di coloro che desiderano e vogliono muoversi autonomamente (magari con il solo ausilio del bastone e del cane guida) per raggiungere il proprio posto di lavoro, per recarsi in un ufficio pubblico, prendere un aereo o per visitare un museo o un parco.

Di conseguenza si è reso sempre più necessario dotare gli spazi pubblici e privati di strumenti che possano agevolare la mobilità autonoma di tali soggetti, attraverso l'abbattimento di barriere architettoniche, la creazione di percorsi guidati e l'installazione di una adeguata segnaletica.

In tale contesto si inseriscono le mappe tattili e le targhette identificative in Braille e caratteri ingranditi.

 

Le mappe possono essere realizzate in più colori secondo le esigenze del contestoSi tratta generalmente di pannelli di materiale plastico o metallico, realizzati con colori in alto contrasto cromatico per la percezione da parte degli ipovedenti, sui quali vengono riprodotte in rilievo le planimetrie del luogo circostante, i percorsi da seguire e le diciture e legende dei simboli tattili sia in Braille che in caratteri ingranditi. Elemento fondamentale di una buona mappa tattile è quella di fornire delle indicazioni chiare, di semplice intuizione, senza sovraccaricare l'utente di troppe informazioni. Al posto di una sola grande mappa tattile di un luogo ampio e complesso con decine di informazioni è sempre preferibile ricorrere ad una grande mappa generale con indicazioni sommarie e ad una serie di mappe più piccole e con informazioni più dettagliate.

Le mappe tattili possono essere realizzate in diversi formati e layoutLa Stamperia realizza mappe su supporti acrilici di elevata qualità, adatti ad ambienti interni ed esterni. Grazie al processo di lavorazione e stampa UV è possibile ricorrere all'uso di più colori di sfondo, pur rispettando i criteri di visibilità e percezione per l'utenza ipovedente.

Analogamente la Stamperia realizza anche tabelle, targhette e pannelli con stampa in Braille e caratteri ingranditi utili per fornire indicazioni o spiegazioni in ambito museale e turistico.

 

Per richiedere un preventivo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per informazioni tecniche: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Mappa Tattile Fiumefreddo Mappa Aeroporto Catania  Mappa Paceco  Mappa RFI

Altri articoli...

  1. Testi Scolastici
  2. Riviste

Sottocategorie

  • Servizi di trascrizione

    Il nucleo centrale della produzione all’interno della Stamperia è rappresentato dalla traslitterazione e stampa di testi scolastici, in vari formati quali:

  • Mappe Tattile

    La crescente autonomia e integrazione sociale e lavorativa ottenuta negli ultimi decenni dai non vedenti ed ipovedenti ha fatto sì che sia aumentato negli ultimi anni il numero di coloro che desiderano e vogliono muoversi autonomamente (magari con il solo ausilio del bastone e del cane guida) per raggiungere il proprio posto di lavoro, per recarsi in un ufficio pubblico, prendere un aereo o per visitare un museo o un parco.

    Di conseguenza si è reso sempre più necessario dotare gli spazi pubblici e privati di strumenti che possano agevolare la mobilità autonoma di tali soggetti, attraverso l'abbattimento di barriere architettoniche, la creazione di percorsi guidati e l'installazione di una adeguata segnaletica.

    In tale contesto si inseriscono le mappe tattili e le targhette identificative in Braille e caratteri ingranditi.

    Si tratta generalmente di pannelli di materiale plastico o metallico, realizzati con colori in alto contrasto cromatico per la percezione da parte degli ipovedenti, sui quali vengono riprodotte in rilievo le planimetrie del luogo circostante, i percorsi da seguire e le diciture e legende dei simboli tattili sia in Braille che in caratteri ingranditi. Elemento fondamentale di una buona mappa tattile è quella di fornire delle indicazioni chiare, di semplice intuizione, senza sovraccaricare l'utente di troppe informazioni. Al posto di una sola grande mappa tattile di un luogo ampio e complesso con decine di informazioni è sempre preferibile ricorrere ad una grande mappa generale con indicazioni sommarie e ad una serie di mappe più piccole e con informazioni più dettagliate.

    La Stamperia realizza mappe su diversi supporti: plastica, forex, alluminio, plexiglas, legno e all'occorrenza anche su pietra levigata e ceramica smaltata, grazie a dei processi di stampa a solvente che garantisce la presa dei colori su svariati materiali. Grazie a questo sistema inoltre è possibile ricorrere all'uso di più colori di sfondo, pur rispettando i criteri di visibilità e percezione per l'utenza ipovedente.

    Analogamente la Stamperia realizza anche tabelle, targhette e pannelli con stampa in Braille e caratteri ingranditi utili per fornire indicazioni o spiegazioni in ambito museale e turistico.

Valid XHTML 1.0 Strict

CSS Valido!

Powered by Emmè